Olio essenziale di Rosmarino

Olio essenziale titolato 100% puro da agricoltura biologica di montagna

Scarica PDF

Caratteristiche generali: il Rosmarino è una delle piante aromatiche più comuni e conosciute. L’etimologia del suo nome è abbastanza controversa: secondo alcuni deriverebbe dal latino “ros=rugiada” e “maris=mare” vale a dire “rugiada del mare” , secondo altri deriverebbe sempre dal latino ma da “rosa=rosa” e “maris=mare” cioè “rosa del mare”, secondo altri ancora dal latino “rhus= arbusto” e “maris=mare” cioè “arbusto di mare”. Quale che sia la radice etimologica del suo nome, il Rosmarino è una pianta arbustiva perenne originaria dell’ Europa, Asia e Africa: si ritrova spontaneo nell’area mediterranea (zone litoranee, macchia mediterranea, dirupi sassosi e assolati dell’entroterra) ma si è acclimatato anche nella pianura padana e nelle zone alpine e prealpine ritrovandosi fino a 1500 m s.l.m.. Può raggiungere altezze di 50-300 cm, con radici profonde, fibrose e resistenti; ha fusti legnosi di colore marrone chiaro, molto ramificati. Le foglie sono piccole, persistenti e coriacee, lunghe 2-3 cm e larghe 1-3 mm, di colore verde cupo lucente sulla pagina superiore e verde-argentate-bianche in quella inferiore, strette, lineari e molto fitte sui rami e ricche di ghiandole oleifere. I fiori, di colore azzurrovioletti, sono riuniti in grappoli : la fioritura va generalmente da marzo ad ottobre, nelle posizioni più riparate ad intermittenza tutto l’anno.

Parti usate: le foglie raccolte durante l’estate nel periodo vegetativo della pianta; per essere officinali le foglie di Rosmarino devono contenere non meno del 3% di derivati idrossicinnamici calcolati come acido rosmarinico e non meno di 12ml/kg di olio essenziale; i giovani getti per la preparazione del gemmoderivato, raccolti in primavera; l’olio essenziale ottenuto per distillazione delle cime fiorite: 100 kg forniscono ca 1,5 kg di essenza.

Composizione in principi attivi: Olio volatile (0,5%) e olio essenziale (1-2,5%) contenente 1-8 cineolo, α- e β-pinene, canfora (canfora di Rosmarino), acetato di bornile, borneolo. Flavonoidi: apigenina, luteolina, diosmetina, diosmina, genkwanina, 6-metossigenkwanina. Derivati idrossicinnamici: acidi rosmarinico, clorogenico, neoclorogenico, caffeico. Acidi triterpenici: acidi ursolico e oleanolico. Acido carnosico: rosmaricina e isorosmaricina (prodotti di reazione dell’acido carnosico). Secondo alcuni Autori gli acidi carnosico e labiatico sono da considerarsi tra i principi attivi (Schulze, 1971 e Saito, 1977).

Proprietà dermocosmetiche riconosciute: l’olio essenziale di Rosmarino può essere impiegato negli shampoo e lozioni per capelli per ravvivarne il colore (lucidante) o come tonico-astringente, in particolare nel trattamento delle alopecie; nelle altre preparazioni dermocosmetiche come tonico-astringente (azione capillaro-tonica e capillaro-protettiva, grazie soprattutto alla diosmina considerata ancora più attiva della rutina), dermopurificante (marcata azione antiossidante e antiradicalica, antiaging) e levigante.

Proprietà e indicazioni generali (dati riportati in letteratura) dell’essenza di Rosmarino: le indicazioni terapeutiche delle Monografie ESCOP riportano: “miglioramento della funzionalità epatica e nei disturbi dispeptici”. Le foglie interagiscono con la funzione epatica e biliare, hanno aziona spasmolitica sul piccolo intestino e sono utili nei disturbi dispeptici. Il gemmoderivato sembra agire sulla cellula epatica parenchimale (epatocita) ed ha una azione colagoga e coleretica dimostrata farmacologicamente. L’utilizzazione dei giovani getti (i germogli) aumenta le proprietà epatotrope del gemmoderivato rispetto ai rami adulti. L’olio essenziale di Rosmarino ha attività antimicrobica, antiossidante e diminuisce la permeabilità e la fragilità dei capillari del microcircolo periferico.

Sulla base delle proprietà funzionali riportate in letteratura, l’olio essenziale di Rosmarino può trovare valida associazione con i seguenti trattamenti:

Trattamenti corpo: massaggi drenanti (azione tonico-capillare), massaggi tonificanti: coadiuvante nel trattamento delle pelli con effetto “buccia d’arancia”.

Trattamenti viso, capelli e cuoio capelluto: trattamento per capelli aridi, sfibrati, opachi e come trattamento delle alopecie sia maschili che femminili.

Altre indicazioni d’impiego suggerite: in associazione a prodotti detergenti (prodotti rinse-off), latti e tonici (anche per pelli a tendenza acneica), prodotti detergenti per l’igiene intima.
Olio
Rosmarinus Officinalis Oil.
2-4 gocce di olio essenziale di Rosmarino direttamente miscelate con la quantità di prodotto abitualmente impiegata.
30 mesi circa
Il prodotto va conservato alle normali condizioni ambientali (in luogo asciutto e a temperatura ambiente).
Il prodotto è contenuto in flaconi di vetro da 10 ml.